CENNI INTRODUTTIVI

NOTTURNI

 

Questi animali sono, per diverse motivazioni, molto raramente utilizzati in falconeria; in primo luogo quasi tutte le specie si nutrono e cacciano solo piccoli mammiferi come topi o arvicole, e sono dunque di scarso interesse dal punto di vista venatorio. Inoltre anche i Gufi reali (unica specie in grado di catturare animali utili all’alimentazione umana, come conigli e lepri) sono poco utilizzati in quanto le caratteristiche che contraddistinguono il modo di vivere di questi animali, li rendono difficilmente addestrabili.

In primo luogo cacciano al buio o al massimo al crepuscolo, in quanto la loro arma migliore e la silenziosità e non la velocità, dunque il buio li aiuta a non essere individuati ed è spesso un handicap per le sue prede. Inoltre la scarsa reattività agli stimoli del falconiere, rende il loro addestramento un lavoro molto lungo e di grandissima pazienza.

 

© 2015 A.I.F.M Associazione Italiana Falconeria Moderna - Via Bellini 23 - 20823 Lentate Sul Seveso (MB)